A Dro, in Trentino, il lancio con la tuta alare è costato la vita a un base jumper norvegese di 47 anni. L’allarme al Numero Unico per le Emergenze 112 è stato lanciato verso le 7 di questa mattina. L’uomo si è lanciato con la tuta alare dalla famosa parte sul Monte Brento, schiantandosi nel greto del fiume Sarca senza aver aperto la vela.

Il coordinatore dell’area operativa Trentino Meridionale del Soccorso alpino ha inviato sul posto una squadra di terra. In seguito alla constatazione del decesso da parte del medico e dopo il nulla osta dei Carabinieri, il corpo del base jumper è stato portato con la barella portantina fino al carro funebre e da qui alla camera mortuaria. Alle operazioni di recupero hanno partecipato anche i Vigili del fuoco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prova a costringere il nipote di 4 mesi a bere birra: servizi sociali pronti a intervenire

prev
Articolo Successivo

Pamela Prati “freddata” da Silvia Toffanin: “Non vuoi parlare di niente, che sei venuta a fare?”

next