L’aveva twittato proprio durante l’incendio e lo ha ripetuto ospite del programma La Zanzara su Radio24: “Notre Dame? Godo nel vedere una chiesa bruciare“. Parole di Valentina Nappi che ha aggiunto: “In sé veder qualcosa bruciare è sempre uno spettacolo. Non mi ricordo chi disse che era uno spettacolo fantastico vedere le Torri Gemelle cadere. E’ come una scena da film. Una scena drammatica e anche spettacolare. E poi è pur sempre una chiesa e veder una chiesa bruciare è pur sempre bello”.

La pornostar è abituata a usare frasi choc: “Lo dico in senso simbolico. E’ una chiesa costruita anche con la fatica di poveri fessi. Ho goduto nel vedere una chiesa bruciare. C’è del bello e c’è del brutto. Il punto è abbracciare o non abbracciare tutta la cultura che ci vomitano addosso da quando nasciamo. Perché tutti quelli che si sbattono e dicono io sono cristiano, spesso di cristiano non hanno nulla ed io sono molto più cristiana di loro. Perché non posso rifiutare tutta la cultura con cui sono cresciuta? Non la posso rifiutare? Ditemi perché è una bestialità…”.

E rispondendo ai conduttori che cercavano di incalzarla, ha ribadito: “Non può farmi schifo? Non posso vederla simbolicamente bruciare? Dico che è una grande perdita ma non posso non godere nel vedere una chiesa bruciare. Sono due piani completamente diversi. Non è come fare una gang, ma come godere di una scoperta scientifica. Bisognerebbe sconsacrare tutte le chiese e annullare la religione organizzata”. E poi, “gran finale”: “Voi credenti siete una banda di cretini. Satana? Mi piace, è un personaggio fighissimo. Io vomito su questa cultura che ammazza la gente, una cultura orribile. Perché mi piace Satana? Satana nel Vecchio Testament  rappresenta la luce, la ragione, la ricerca, la scienza. Quindi il Satana del Vecchio Testamento. Lo trovo un personaggio figo”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grande Fratello 2019, Kikò Nalli e la scenetta osé: imbarazzo in diretta

prev
Articolo Successivo

Gente: “La grande paura, il figlio di Scotti in ospedale per un incidente”

next