La riforma è realtà. Con 403 voti favorevoli, 162 contrari e 44 astensioni il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva il regolamento che rafforza la Guardia di frontiera e costiera europea. Le modifiche già concordate con i ministri dell’Ue all’Agenzia Frontex, che si occupa della gestione delle frontiere esterne dell’Unione, introducono un corpo permanente di 10mila unità entro il 2027, con 5mila che saranno già operativi dal 1 gennaio 2021. Sarà composto da guardie di frontiera e guardie costiere dell’agenzia e da personale distaccato su base obbligatoria dai Paesi Ue. L’Italia dovrà fornire a regime 610 persone e sarà il terzo Paese per contributo di personale dopo Germania e Francia. Sarà creato, inoltre, un pool di intervento rapido per le emergenze.

L’agenzia così rafforzata, secondo quanto si legge nel testo del regolamento, avrà numerosi compiti: tra questi, si occuperà di monitorare i flussi migratori, di monitorare la gestione delle frontiere esterne da parte degli Stati membri e verificarne la capacità e la preparazione nel fronteggiare eventuali minacce, di fornire assistenza nei rimpatri e nelle operazioni di ricerca e soccorso in mare, di assistere gli Stati con interventi rapidi alle frontiere in caso di “sfide specifiche e sproporzionate”. Il regolamento deve ora essere formalmente approvato dal Consiglio prima di poter entrare in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Ue.

Il Movimento 5 Stelle si è opposto alla riforma “perché la sovranità dei Paesi nella gestione dei propri confini è compressa in modo eccessivo e inopportuno – afferma l’eurodeputato M5s Ignazio Corrao – Si dà la possibilità alla Commissione di commissariare lo Stato membro ritenuto non in grado di gestire le frontiere, fino a dare agli Stati confinanti la possibilità di reintrodurre controlli alle frontiere interne qualora le raccomandazioni dell’agenzia non siano correttamente attuate”.

“La sovranità nazionale è assolutamente garantita – la replica del commissario europeo alle Migrazioni, Dimitris Avramopoulos – non ci potranno essere ingerenze senza il consenso degli Stati membri”. “Non c’è motivo di preoccuparsi”, ha aggiunto, interpellato a riguardo durante una conferenza stampa.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, governo taglia ancora le stime sul Pil 2019. Crescita dimezzata: +0,5%

next
Articolo Successivo

Europee, fare propaganda sui social può costare caro ai partiti. Ecco perché

next