Dodici scatole di film porno e due scatole di sex toys. Questo il “malloppo” che due genitori hanno rinvenuto tra gli averi del figlio e che, a quanto pare, hanno deciso di buttare via. Solo che il figlio non l’ha presa bene. Stando a quanto riporta l’Independent, il gesto avrebbe dato vita a una faida familiare: nel 2016 il figlio, dopo aver divorziato, si era infatti trasferito di nuovo nella casa dei suoi, nel Michigan.

Qualche mese dopo, alla polizia era arrivata una telefonata nella quale un uomo denunciava la sparizione di una collezione di materiale porno del valore di 30 mila euro. Secondo lui, i genitori avrebbero buttato via tutto non appena lui se n’era andato con la moglie. Da lì, l’idea di denunciarli: lo sceriffo della contea di Ottawa ha fatto rapporto ma i giudici si sono rifiutati di aprire l’istruttoria. Fine della storia? Nemmeno per idea. L’uomo ha allora intentato una causa civile chiedendo un risarcimento da 86.822 dollari. In una mail che risulta agli atti il figlio avrebbe scritto: Se aveste avuto dei problemi con le mie cose, avreste dovuto dirmelo subito e me ne sarei andato altrove.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Magaluf, soldatessa taglia la gola a una collega con una bottiglia fuori da un locale. Un testimone: “Era un bagno di sangue”:

next
Articolo Successivo

Che fuori tempo che fa, Crozza: “Ci vuole uno scienziato per pulire Roma? Forse sì… detta così escluderei uno della Lega”

next