“Sulla Libia lavoriamo per fermare le ostilità, vogliamo un cessate il fuoco immediato, riteniamo che il dialogo politico sia l’unica soluzione plausibile e sostenibile sul terreno”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, durante delle dichiarazioni in sala stampa a Palazzo Chigi, nelle quali non erano previste domande da parte dei giornalisti presenti. “Dobbiamo scongiurare una crisi umanitaria che sarebbe devastante per le ricadute ovvie in Italia e in Ue”, ha detto il premier. “Chi pensava che l’opzione militare in Libia potesse dare stabilità è stato smentito. Non è il momento di dividerci ma occorre lavorare concretamente” per arrivare a un cessate il fuoco in Libia. Il governo italiano auspica un cessate il fuoco in Libia e un ritiro delle forze del Libyan national army (Lna) di Haftar, ha spiegato il presidente del Consiglio, al termine dell’incontro con il vice primo ministro e ministro degli Esteri dello Stato del Qatar, Sceicco Moahmmed Bin Abdulrahman Bin Jassim Al Thani. “Al Thani è reduce da una visita in altri paesi, anche loro sono fortemente preoccupati per l’escalation in Libia. Abbiamo espresso la forte preoccupazione per la deriva militare, non riteniamo questa possa essere la soluzione, stiamo lavorando con la massima determinazione per evitare che continuino le ostilità militari. Vogliamo un cessate il fuoco e auspichiamo il ritiro delle forze Lna”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Raggi, Di Maio: “Scontro con Salvini? Quando la Lega è in difficoltà nei sondaggi mette in mezzo Roma”

prev
Articolo Successivo

Movimento 5 stelle, sì alle capolista per le europee. Ma i no superano il 30% dei voti su Rousseau

next