Senza voto. Il Pd di Walter Veltroni aveva una grande organizzazione web avanti anni luce rispetto ai 5 Stelle. Oltre a gestire un sito aggiornato partitodemocratico.it, che non aveva nulla da invidiare ad una testata con una redazione web vera e propria, c’era persino una piattaforma web dal basso: eh sì, si chiamava Pd Network, quasi 50mila militanti che scrivevano, scrivevano tanto, chiedevano; ma i vertici non rispondevano. A memoria di questa grande community web (che ora Zingaretti dice di voler ricostruire) è rimasto solo il nome del loro account Twitter, @pdnetwork appunto. Ok il Pd c’è, ma il network dov’è finito? E’ una guerra tra bande, renziani vs. zingarettiani, calendiani, facciamoretiani, giacchettisti, ecc. Tutte chiacchiere sul web che finiscono in niente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

‘Fabio Fazio lo paghi Macron’. Se il programma della Meloni è questo, qualcosa non va

next
Articolo Successivo

Radio Radicale, appello di Fiammetta Borsellino: “Garantisce pubblicità dei processi. Fine convenzione inaccettabile”

next