Senza voto. Il Pd di Walter Veltroni aveva una grande organizzazione web avanti anni luce rispetto ai 5 Stelle. Oltre a gestire un sito aggiornato partitodemocratico.it, che non aveva nulla da invidiare ad una testata con una redazione web vera e propria, c’era persino una piattaforma web dal basso: eh sì, si chiamava Pd Network, quasi 50mila militanti che scrivevano, scrivevano tanto, chiedevano; ma i vertici non rispondevano. A memoria di questa grande community web (che ora Zingaretti dice di voler ricostruire) è rimasto solo il nome del loro account Twitter, @pdnetwork appunto. Ok il Pd c’è, ma il network dov’è finito? E’ una guerra tra bande, renziani vs. zingarettiani, calendiani, facciamoretiani, giacchettisti, ecc. Tutte chiacchiere sul web che finiscono in niente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Fabio Fazio lo paghi Macron’. Se il programma della Meloni è questo, qualcosa non va

prev
Articolo Successivo

Radio Radicale, appello di Fiammetta Borsellino: “Garantisce pubblicità dei processi. Fine convenzione inaccettabile”

next