È morta a 90 anni nello zoo di Suzhou, in Cina, una rarissima tartaruga dello Yangtze dal guscio molle gigante: in tutto il mondo, ora, ne rimangono solo tre esemplari. L’animale, una femmina, è deceduta dopo esser stata sottoposta a diversi tentativi, tutti falliti, di inseminazione artificiale, l’ultimo dei quali avvenuto solo 24 ore prima della morte. La speranza era infatti quella che mettesse al mondo nuovi esemplari di questa specie che rischia l’estinzione a causa della caccia di frodo, della pesca intensiva e della distruzione del suo habitat naturale, come riporta la Cnn.

Gli studiosi che se ne sono presi cura hanno riferito che subito dopo l’ultimo intervento le sue condizioni di salute erano buone, ma che poi si sono deteriorate molto velocemente fino alla morte. Accertamenti sono in corso sul suo cadavere che verrà studiato per ottenere ulteriori informazioni sulla specie. Non solo, secondo il quotidiano Suzhou gli esperti avrebbero raccolto campioni di tessuto ovarico “per uso futuro”. Ora restano in vita quindi solo tre esemplari di questa tartaruga rara: una nello stesso zoo del sud della Cina e altri due in libertà in Vietnam.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2020, Mina direttore artistico del Festival?

prev
Articolo Successivo

Grande Fratello 2019, Michael Terlizzi contro la produzione: “Ste mer** non ci danno un caz**, nemmeno le lacrime ci lasciano”

next