Nuove polemiche per un controverso tweet del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Il magnate ha pubblicato un video contenente recenti affermazioni della deputata democratica Ilhan Omar, somala naturalizzata statunitense e prima musulmana eletta al Congresso, sugli attacchi dell’11 settembre 2001, causando una valanga di critiche. Nel video si sente Omar dire che “alcune persone fecero qualcosa”, frammento che viene ripetuto più volte intervallato da immagini degli attacchi alle Torri gemelle di New York City e da voci di notiziari e commentatori dell’epoca. Alla fine, compare la scritta: “11 settembre 2001, noi ricordiamo”. Molti commenti critici verso Omar si sono susseguiti negli ambienti conservatori online, che tuttavia ignorano una parte che è stata tagliata dal video: quella in cui la politica prosegue dicendo che molti musulmani nel Paese sono stati ingiustamente collegati agli attentati.

Il Consiglio delle relazioni americano-islamiche (Cair) “è stato fondato dopo l’11 settembre, perché hanno ammesso che alcune persone hanno fatto qualcosa e che tutti noi stavamo iniziando a perdere accesso alle nostre libertà civili”, è la frase completa da cui è stato estrapolato il frammento ripreso nel video diffuso da Trump. Questi su Twitter ha aggiunto il commento, scritto tutto in stampatello: “Non dimenticheremo mai!”. La deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez è fra quanti hanno criticato il presidente e su Twitter ha scritto: “I membri del Congresso hanno il dovere di rispondere all’esplicito attacco odierno del presidente. La vita di Ilhan Omar è in pericolo. I nostri colleghi che stanno in silenzio sono complici del pericoloso ed esplicito prendere di mira un membro del Congresso. Dobbiamo prendere posizione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, 600mila migranti pronti a partire? Oim: “No, sono al massimo 200mila. Per evitarlo fare più evacuazioni e rimpatri”

prev
Articolo Successivo

Libia, Tripoli: “Abbattuto caccia di Haftar” Che vola al Cairo dall’alleato Al Sisi: “Egitto conferma sostegno al maresciallo”

next