Da 8 giorni l’equipaggio della ‘Alan Kurdi attende “una soluzione politica“. A bordo ci sono ora 62 rifugiati e 17 membri dell’equipaggio, perché ieri sera la 23enne nigeriana Osumah ha avuto una crisi epilettica. Osumah è una delle due donne incinte a bordo della ‘Alan Kurdi‘. Il capitano Werner Czerwinski, riferisce la Sea Eye, ha contattato il centro di soccorso maltese e ha chiesto la seconda evacuazione di una donna in due giorni. Malta ha reagito immediatamente e ha inviato una motovedetta per effettuare la veloce evacuazione di Osumah. Suo marito è dovuto rimanere a bordo preoccupato. “Possiamo solo sperare che la giovane donna possa presto stare meglio. Qui a bordo non potevamo più aiutarla”, dice Werner Czerwinski, capitano della Alan Kurdi. Il capitano è ancora più preoccupato per i prossimi giorni. “Le persone vengono da me e mi chiedono quanto tempo dovranno restare a bordo e perché ci vuole così tanto tempo. Hanno davvero paura della prossima fase di maltempo. Molti di loro hanno avuto il mal di mare e si sono ripresi solo lentamente. Hanno visto che due donne sono crollate e hanno dovuto essere evacuate. Questa non è una condizione adeguata per persone che hanno vissuto esperienze così terribili e non è una condizione adeguata nemmeno per il mio equipaggio”, continua Czerwinski. La ‘Alan Kurdi‘ ha urgente bisogno di una soluzione rapida, politica ma soprattutto umanitaria per gli altri 62 rifugiati e i 17 membri dell’equipaggio, le cui famiglie sono anch’esse preoccupate e chiedono informazioni a Sea-Eye. “La Commissione Europea non ha ancora ottenuto risultati concreti. Non sono solo i membri dell’equipaggio e le persone soccorse a essere provati. Questa situazione sta privando del sonno molti parenti a terra. Dobbiamo porre fine a tutto ciò. Non è possibile che una persona dopo l’altra debba stare male per poter finalmente lasciare la nave” afferma Gorden Isler, presidente di Sea-Eye.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Campania, la metà degli ospedali non ha l’autorizzazione. “Il governo non sblocca i soldi”, “No, mai arrivati documenti”

next
Articolo Successivo

Ruba durante le lezioni di informatica all’anziano. La vittima se ne accorge e chiama i Carabinieri: il video

next