“Ci sono cose del sovranismo che in qualche modo non si può non difendere. Anche Pasolini, ad esempio, era sovranista”, ha spiegato il regista de Lo Spietato intervistato nella redazione del fattoquotidiano.it. Il film girato a Milano e con protagonista Riccardo Scamarcio sarà in sala fino al 10 aprile e poi dal 19 aprile su Netflix. E proprio sul “sovranista” Scamarcio ha posto la domanda il giornalista Davide Turrini. “Pasolini era contro la televisione perché, diceva, l’italiano non è la lingua degli italiani, l’italiano è la lingua di ogni paesino, ogni piccolo paese esprime una cultura, un suo modo di parlare – ha spiegato – E lo disse prima dell’avvento della tv di Berlusconi: la tv rovinerà tutti, gli italiani saranno tutti uguali, morirà il linguaggio. Cosa che è successa. Sono sovranista nel senso di dire difendiamo la nostra cultura, la nostra identità, ma stando in mezzo agli altri, riconoscendo le differenze”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francis Ford Coppola compie 80 anni. Ecco i 5 film con cui ha cambiato il cinema

prev
Articolo Successivo

Renato De Maria in sala e su Netflix con Lo Spietato: “Il cinema come è stato vissuto nel ‘900 è morto”

next