Alla Camera è in corso la votazione degli emendamenti al ddl Concretezza, che ha l’obiettivo di combattere l’assenteismo nella pubblica amministrazione. In commissione Cultura, nei giorni scorsi, è stata ritirata la parte che avrebbe costretto i professori a sottoporsi al controllo, in ingresso e uscita, attraverso impronte digitali, dopo il no dei deputati del M5s e le proteste dei partiti di opposizione. Ma una forma di controllo – allo stato attuale, si parla sempre di impronte digitali, ma sarà un decreto del ministro dell’Istruzione a chiarire le modalità con più precisione – è rimasta per i presidi.

Il gruppo del Partito democratico ha presentato un emendamento per cancellare il passaggio, caro alla Lega, dal disegno di legge: “È illogico e paradossale. Il governo vuole verificare l’accesso dei dirigenti scolastici attraverso il controllo biometrico – ha attaccato Anna Ascani, capogruppo Pd in commissione Cultura – la ministra Bongiorno o è ignorante, nel senso che non conosce neppure le norme vigenti, o è in malafede. Come si fa a controllare 8mila presidi che sovrintendono 42mila plessi scolastici?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca, ministra Grillo avverte la Lega: “Sua gestione della sanità in Campania è indifendibile, ci sostenga per sostituirlo”

next
Articolo Successivo

Rimborsi a truffati banche, cdm non vara decreto: “Dettagli da limare”. Ma il Mef diffonde comunicato sugli indennizzi

next