Insulti, calci e pugni in pieno giorno, in strada. Undici minorenni sono finiti sotto indagine perché accusati di far parte di un gruppo responsabile di due aggressioni omofobe commesse a Vittoria, nel Ragusano. La prima, registrata dalle telecamere di videosorveglianza, ai danni di un 21enne, avvenuta il 14 dicembre scorso. La seconda, invece, ai danni di una delegazione dell’Arcigay, tre giorni dopo, che si era recata in Comune per una serie di iniziative di sensibilizzazione contro l’omofobia. In questo secondo caso, lo stesso gruppo di ragazzini aveva insultato i membri dell’associazione e aveva colpito con una bottiglia un giovane. Le indagini della squadra mobile di Ragusa e del commissariato di Vittoria sono state coordinate dalla Procura per i minorenni di Catania.

Video Polizia di Stato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, ragazza adescata sui social stuprata e filmata dopo notte di alcol e droga: arrestati quattro giovani

next