“Non è possibile per le istituzioni italiane accettare che lo stato egiziano sia così reticente nell’avviare un processo”. Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, al Festival del giornalismo di Perugia. All’inizio dell’incontro, con un lungo applauso, è stato srotolato sul palco uno striscione per chiedere verità su Regeni. “Il problema è che non è neanche iniziato un processo – ha detto Fico -. Quando sono andato da Al Sisi a settembre ho cercato di richiamarlo alle sue responsabilità, ho detto che ci sono stati depistaggi e che un rapporto tra le istituzioni non poteva continuare senza passi in avanti. Sono stati incontri carichi di tensione, lui ha assicurato che avrebbe rimosso ogni ostacolo per arrivare alla verità. Sono passati diversi mesi. Ho capito che questo stato non ci vuole dare la verità, che Al Sisi mente perché non manda avanti il processo. Io ho interrotto ogni tipo di diplomazia con il parlamento egiziano, se loro non vanno avanti non possiamo avere rapporto sereno. Mi auguro che la Camera dei deputati approvi una commissione di inchiesta su Regeni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mussolini, un terzo nipote in politica: Caio Giulio Cesare si candida alle Europee con Fdi: “Sovranità, sicurezza e famiglia”

next
Articolo Successivo

Ue, Di Maio: “Mi preoccupa la deriva di ultradestra. In Europa la Lega si alleerà con forze che negano l’Olocausto”

next