Gli obiettivi del settimanale “Chi” hanno immortalato il vicepremier Luigi Di Maio in compagnia della sua nuova fidanzata Virginia Saba, mentre si godevano il sole primaverile nei giardini di Villa Borghese a Roma. La coppia è innamoratissima, come ha raccontato la 36enne giornalista in un’intervista al settimanale diretto da Alfonso Signorini, in cui ha parlato della sua relazione con il leader M5s e dei progetti che hanno insieme: “Parlando con Luigi io Io gli ho detto: ‘Vorrei diventare mamma‘. Ma lo volevo da sempre. Lui mi ha risposto: ‘È  bellissimo’. Ma sappiamo che non è il momento. Poche sere fa mi ha portato ad Avellino a conoscere i suoi genitori. A Pasqua invece andremo in Sardegna. Le premesse ci sono tutte per…le promesse della vita. Siamo innamorati folli, ma con calma ogni cosa sarà illuminata”.

“Quando abbiamo fatto il primo viaggio insieme in Spagna, a Granada – ha raccontato ancora Virginia Saba a “Chi” -stavamo fantasticando in questo posto meraviglioso. Musica araba, situazione intima. E per un attimo Luigi mi ha detto: ‘Magari un giorno stacchiamo da tutto e ci inventiamo una cosa simile (un hammam ndr.)’ Chissà. Ora però in primis c’è quella che lui chiama la sua ‘missione'”.

Una missione, quella della politica, sulla quale Virginia ha le idee chiare: “Non  mi permetterei mai di dire a Luigi  cosa deve fare – ha ribadito -. Io ho sempre pensato che la politica e la vita normale possano e debbano viaggiare su binari diversi. So che anche Luigi la pensa come me. Mi creda, io voglio rendere le cose facili, ma di facile non c’è molto. Io non ho bisogno di Luigi per campare. Mi sono sempre mantenuta da sola. Sia chiaro“. Alla domanda se vede possibile una uscita a quattro con l’altro vicepremier Matteo salvini e la sua nuova compagna, Francesca Verdini, ha risposto: “Almeno nel privato che vinca l’amore. Per noi, per Salvini, per tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francesca Cipriani: “Woody Allen? Si è impiccato”. Poi scambia Giuliano Ferrara per Bud Spencer

prev
Articolo Successivo

Carlo Cracco rivela: “Se il format prevede che tu faccia il cattivo, tu fai il cattivo. Picchi di ascolto sempre con le mie sfuriate”

next