Se avete nostalgia delle sfuriate di Carlo Cracco ai danni di aspiranti chef sappiate che il lato più severo del cuoco milanese è “finito insieme alla mia presenza televisiva… Se il format prevede che tu faccia il cattivo, tu fai il cattivo. Vedere trattare male una persona fa sempre effetto”. A rivelarlo è stato lo stesso Cracco in un’intervista a Repubblica. “Possibile che non si capisca che è un gioco? E invece molta gente pensa che tutto quello che si vede in tv sia vero, mentre si tratta di spettacolo. Lo shock piace, se vedono che funziona, te lo fanno rifare”, ha spiegato lo chef.

Abbandonato il ruolo di giudice di Masterchef, che lo aveva reso celebre tra il pubblico, Cracco è passato a Hell’s Kitchen ma, dice, “rispetto a quello di Ramsay era diverso, dopo i primi due anni abbiamo provato a prendere le distanze. Ma i picchi di ascolto coincidevano sempre con le sfuriate. Mi hanno detto, ci spiace Carlo, ma dobbiamo fare quello che funziona di più. Ho resistito ancora un po’, poi ho smesso. Fare televisione mi ha permesso di realizzare il mio sogno lavorativo. E oggi chi viene a conoscermi al ristorante capisce che sono una persona ben diversa dal mio personaggio televisivo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Virginia Saba, la fidanzata di Di Maio a “Chi”: “Luigi mi ha detto: ‘Magari un giorno ci inventiamo un hammam'”

prev
Articolo Successivo

Milano, Prodi, D’Alema e Bersani in lingerie e tacchi a spillo: l’ultima creazione dello street artist Beast

next