Una settimana dopo la rivelazione di Mel B sulla loro notte di sesso saffico, Geri Halliwell ha deciso di rompere il silenzio per negare che tra loro ci sia stato qualcosa di più dell’amicizia. Attraverso un comunicato inviato al Mail Online, l’ex Spice Girls ha smentito tutto e ha detto di essere “delusa e ferita”: “Geri ama le Spice Girls ma vuole che i fan sappiano che quello che è stato recentemente dichiarato semplicemente non è vero ed è stato molto doloroso per la sua famiglia”, si legge nel messaggio inviato alla stampa.

E’ amareggiata di leggere di nuovo questi rumors, specialmente nel giorno della Festa della Mamma (nel Regno Unito si celebra la quarta domenica di Quaresima ndr.). Detto questo, Geri non vede l’ora di vedere le ragazze e i fan in tour, divertirsi con tutti e creare nuovi ricordi”, continua il comunicato, spiegando che a  preoccupare maggiormente l’ex Ginger Spice è soprattutto l’impatto che tali dichiarazioni potrebbero avere sui figli Bluebell (12 anni) e Monty (2 anni). Nonostante questo però, la Halliwell ha rassicurato anche tutti i fan preoccupati che questi screzi potessero mettere a rischio la reunion della band cult degli anni ’90.

Nonostante la smentita di Geri Halliwell, però, alcune fonti hanno assicurato al Mail che tra lei e Mel B “non fu solo sesso occasionale” ma che nel 1994 tra le due fu “passione al primo sguardo. Erano i primi tempi delle Spice Girls e la loro relazione durò più di una notte, uscirono insieme per almeno un anno”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pesce d’aprile, ecco come mai si festeggia il primo e come mai si chiama così

next
Articolo Successivo

Masterchef 8, lo foto che potrebbe svelare in anticipo il vincitore (pizzicato a tavola con chef Locatelli): ma sarà veramente così?

next