Ha deciso di fare da madre surrogata per avere sua nipote, aiutando così suo figlio e il suo compagno ad avere una bambina. Cecile Eledge, 61 anni, ha partorito l’ultima volta 30 anni fa ed è da dieci in menopausa. Quando Matthew Eledge, 32 anni, e Elliot Dougherty, 29 anni, hanno cominciato a desiderare un figlio e hanno deciso di voler ricorrere a una madre surrogata, la proposta di Cecile li ha fatti sorridere fino a quando non hanno capito che la madre di Matthew faceva davvero sul serio.

Aiutati dalla dottoressa Carolyn Maud Dougherty che ha definito l’idea di Cecile “per niente stralunata”, i tre hanno incontrato un’équipe medica nella loro città natale, Omaha, in Nebraska e dopo alcune analisi hanno dato il via all’iter. “La mia mamma a  61 anni ha una pressione sanguigna più bassa di tutti noi figli”, ha detto Matthew al DailyMail, che ha riportato la notizia.

Non appena Cecile è stata indicata come “ospite adatto” ecco che è entrata in scena la sorella di Elliot per donare i suoi ovuli: Lea, 26 anni, aveva infatti appena partorito il suo secondo figlio. Gli ovuli, fecondati dallo sperma di Elliot, sono così stati impiantati nell’utero di Cecile che dopo nove mesi e una gravidanza non semplicissima ha partorito in modo naturale e ha dato alla luce la sua nipotina. Nonna Cecile ha dichiarato che quello che l’ha spinta ad andare avanti nonostante le difficoltà di questa procedura è stata la voglia di vedere suo figlio con in braccio la piccola Uma. “Uma ora avrà alcuni incredibili modelli femminili da guardare in Lea e mia madre. Non vedo l’ora che lei sviluppi un legame incredibilmente speciale con entrambe”, ha detto Matthwe al DailyMail.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luxuria contro Irama, lancia un appello alle radio: “Non fare ascoltare il pezzo dove canta di voler ‘fare a pugni con un trans'”

next
Articolo Successivo

Ora legale 2019, stanotte lancette un’ora avanti: ecco sei cose da sapere

next