La Polizia di Stato di Ragusa ha arrestato due truffatori seriali che simulavano finti incidenti facendo credere ai parenti delle “vittime” di poter risarcire con migliaia di euro la controparte. Sette i colpi ricostruiti dalla squadra mobile, guidata dal vicequestore aggiunto Antonino Ciavola, da agosto a oggi in provincia di Ragusa. I due responsabile sono finiti in carcere: Antonio De Martino, 69 anni, e il figlio Vincenzo De Martino, 44 anni, accusati di truffa e tentata truffa, aggravati dall’aver commesso i fatti ai danni di donne anziane. “Verranno divulgate le foto e le generalità dei due pluripregiudicati truffatori in quanto vi è l’alta probabilità se non la certezza che padre e figlio abbiano colpito in tutta Italia”, dicono gli investigatori. Nel video, il loro modus operandi e la ricostruzione delle telefonate alle vittime.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pavia, maestra d’asilo arrestata: “La devi smettere, la mia mano diventa rossa…”. Le immagini dei maltrattamenti

next
Articolo Successivo

Mercantile dirottato, la nave attracca a Malta: i militari coi mitra in mano mentre sbarcano i migranti. Le immagini

next