A Uomini e Donne il clima si infiamma facilmente ma questa volta un discusso episodio avrebbe mandato su tutte le furie Maria De Filippi. Nel corso della registrazione del trono over, avvenuta venerdì 22 marzo, Gianni Sperti ha accusato un protagonista del trono over Gian Battista Ronza di aver spintonato una ragazza che lavora nella redazione del programma. “Ma che stai inventando? Facciamola entrare e vediamo se è vero che io l’ho aggredita”, avrebbe detto il Cavaliere, riporta il sito Il Vicolo delle News. La conduttrice ha fatto chiamare la collaboratrice che una volta in studio ha confermato tutto.

Gian Battista stanco di aspettare il suo turno fuori dallo studio avrebbe dato in escandescenza e spinto appunto la ragazza. Alla fine del racconto la De Filippi, visibilmente infastidita, ha cacciato Ronza dalla trasmissione tra gli applausi del pubblico. L’uomo aveva partecipato per la prima volta come detrattore di Gemma Galgani con cui aveva avuto molte discussioni, poche settimane fa altri componenti del parterre maschile si erano alzati in piedi per dividere i due litiganti: “Gian Battista, sei sicuro che venire qui ti faccia bene? Tu ti trasformi, non pensi che questa immagine di te che fai uscire sia sbagliata? Io ti prego di riguardare a casa questa puntata”, aveva detto la De Filippi.

Il Cavaliere era poi finito nel mirino per un filmato che lo ritraeva in un tentativo di accordo con la dama Claire sulle cosa dire durante le registrazioni. La puntata non è ancora stata trasmessa, Gian Battista sul suo profilo Facebook ha però respinto le accuse: “Non ho fatto nulla di ciò!  La ragazza non l’ho nemmeno sfiorata; tra l’altro peserà almeno 150/180 kg e sarebbe anche difficile spintonarla; io ho solo aperto la porta per uscire a fumare e lei era dietro. E’ stata la vendetta di chi mi odia. Tenete presente che lì ci sono telecamere e persone della sicurezza che erano fuori. Non mi hanno fatto entrare per non farmi parlare… Magari del video fatto in discoteca all’insaputa di Rocco, ove diceva delle cose sulla Galgani inerenti alla trasmissione. Tutto architettato nei minimi dettagli.”