La notte tra il 30 e il 31 marzo prossimo bisognerà tirare avanti di un’ora le lancette degli orologi, per passare così dall’ora solare all’ora legale. Questa però potrebbe essere una delle ultime volte che lo faremo perché il Parlamento Europeo ha votato a favore dell’abolizione dell’ora legale nel 2021. Con 410 voti a favore, 192 contrari e 51 astenuti, è passata quindi la risoluzione legislativa che stabiliva la fine del passaggio dall’ora solare a quella legale che entrerà in vigore però tra due anni, e non già nel 2019 come inizialmente paventato. Ecco cinque cose da sapere sull’iter che ha portato alla svolta decisa oggi dal Parlamento Ue, le prossime novità e i rischi per l’economia e per chi viaggia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Copyright, Parlamento Ue approva la riforma. “Equo compenso a chi detiene diritto d’autore”

prev
Articolo Successivo

Copyright, perché i veri sconfitti della riforma sono i cittadini (e non i giganti del web)

next