“Oggi il futuro di questo paese lo vogliamo scrivere noi”. A una settimana dallo sciopero globale del clima, a Roma migliaia di persone da tutta Italia hanno partecipato alla ‘Marcia per il clima contro le grandi opere inutili e contro le devastazioni ambientali. “Qui non si tratta di difendere il proprio cortile perché tanti cortili insieme fanno l’intero pianeta”spiega Tommaso Cacciari del comitato No Grandi Navi di Venezia. Per le vie del centro città, sfilando le bandiere No Tav, No Terzo Valico, No Muos, No Tap insieme alle mamme dell’Ilva e a tante altre realtà che puntano il dito contro le promesse mancate del M5S e del governo del cambiamento: “Hanno preso voti facendo promesse e poi si sono rivelati incoerenti come tutti gli altri”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trento, proteste contro il convegno sul gender nella sede della Provincia: manifestanti portati via di peso

next
Articolo Successivo

Milano, raduno di estrema destra per centenario del fascismo. Manifestazione Anpi: “È anniversario tragico”

next