È stato bloccato al controllo passaporti mentre tentava di imbarcarsi. Giuseppe Biesuz, ex amministratore delegato di Trenord, stava cercando di fuggire a Londra quando è stato arrestato dalla polizia all’aeroporto di Linate, a Milano. Lo scorso luglio il 57enne Biesuz era stato condannato in appello a 4 anni e 9 mesi per truffa, false attestazioni e bancarotta fraudolenta: da allora, fino all’intervento della polizia con la collaborazione dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano alle 13.30 di oggi, risultava ricercato.

Biesuz è stato a capo della società controllata da Regione Lombardia dal 2010 al 2012, anno in cui è stato arrestato per il buco di 685mila euro della società energetica “Urban Screen. In quell’occasione è emerso che aveva falsificato il curriculum per poter entrare in Trenord: era stato accusato di truffa inoltre perché non aveva conseguito la laurea all’università Cà Foscari e anche di falso per aver dichiarato al gip di essere laureato. Ora l’ex manager dovrà scontare la pena diventata definitiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bus dirottato, l’avvocato di Sy: “Merita approfondimento psichico. Non voleva fare del male ai bambini”

prev
Articolo Successivo

Bologna, due fratelli di 11 e 14 anni muoiono cadendo dall’ottavo piano. Interrogati i genitori, ipotesi incidente

next