L’hanno accoltellata e bruciata, forse addirittura quando ancora respirava. Poi hanno incendiato i vestiti lontani dal cadavere e gettato il coltello che è stato ritrovato questa mattina. Infine sono andati in discoteca. Questa è stata la serata vissuta a Marsala da Carmelo Bonetta e Margareta Buffa, come ha raccontato Carmelo dopo il quarto interrogatorio. La vittima – Nicoletta Indelicato, 25enne laureata in Scienze della formazione – è uscita di casa tranquillizzando i genitori (“Sono fuori con amici”) senza sapere che sarebbe stata la sua ultima sera. Nicoletta e Margareta sono andate al bar e poi le due amiche sono salite sull’auto di Margareta, nel cui portabagagli era appunto nascosto Carmelo Brunetta con la benzina. La coppia non aveva fatto i conti però con il barista del Bernini, noto pub di Marsala, che ricordava di aver visto le due ragazze insieme a mezzanotte.

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera infatti, le due ragazze – che si erano conosciute su Facebook – avevano avuto da poco un litigio e la vittima le aveva rivelato di aver avuto un rapporto sessuale con Bonetta. “Dovevamo farla smettere di dire bugie. Dovevo anche pagarla perché aveva messo voci in giro dicendo che ero un tossicodipendente e che io e Margareta eravamo stati a letto insieme”, sosterrebbe il reo confesso. Ma, secondo quanto riporta Repubblica, questo movente non convincerebbe il procuratore di Marsala, Vincenzo Pataleo.Come non convince il racconto di Margareta che sostiene di essere svenuta dopo la prima coltellata.

Ieri qualcuno ha deposto una rosa rossa sulla roccia dove è stato trovato il corpo carbonizzato. Ma il giorno dei funerali ancora è stato fissato perché bisognerà attendere l’autopsia, prevista per sabato. Il sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, ha deciso che ci sarà lutto cittadino: “Desideriamo onorare la memoria della giovane ragazza marsalese e nel contempo confermare ai familiari la vicinanza e il cordoglio della popolazione”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Femminicidio, uccisa in casa a Milano: fermato il compagno. “Soffocata perché lei urlava”. Si conoscevano da 5 mesi

prev
Articolo Successivo

Marianna Manduca, niente risarcimento ai figli: in appello sentenza ribaltata. “Lo Stato non poteva evitare il femminicidio”

next