“Questa congiunzione astrale tra… tipo l’allineamento della cometa di Halley… hai capito cioè… è difficile secondo me che si verifichi… noi Marcè dobbiamo sfruttarla ‘sta cosa, secondo me guarda ci rimangono due anni”. È il 4 febbraio scorso quando i carabinieri intercettano questo colloquio telefonico tra l’avvocato Camillo Mezzacapo e Marcello De Vito, entrambi arrestati nell’inchiesta della procura di Roma sulla presunta corruzione nell’ambito di diversi progetti immobiliari nella Capitale.

È il legale, considerato molto legato al presidente dell’Assemblea capitolina, a parlare. “Tieni presente questa cosa… dopo di che… io ti voglio dire siccome la
congiunzione astrale che si è verificata adesso io credo che noi invecchieremo… spero… fra molti anni avvenire ne parleremo davanti a un piatto… ma non credo si ripianificherà… cioè… difficilmente si riverifica una congiunzione astrale dove oggi stai al governo”. E De Vito: “Dove…”. Con Mezzacapo che risponde: “Da solo di Roma”. E il presidente dell’Assemblea capitolina: “Avresti vinto pure con il Gabibbo”.

“No non solo beh questo ormai è un dato acclarato ma dico… dico… che tu ristai al governo di Roma e tu ristai al governo del paese con la quota di maggioranza, no?”. De Vito: “Sì”. Mezzacapo: “Dove fai il fico hai visto Di Maio che (incomprensibile) ha rotto il cazzo… non forzare che poi occhio (inc…) cioè e… e se tu poi vai”. De Vito: “Ha fatto bene”. Mezzacapo: “Si ma se vai al governo tu e… quell’altro fa 35 e tu hai 20 eh… ne può fare a meno questo giochetto, capito che ti voglio dire?”. De Vito: “Sì”. Mezzacapo: “Eh e quindi questo te lo consente una certa congiunzione di cose, naturalmente questa congiunzione astrale tra… è tipo l’allineamento con la cometa di Halley hai capito cioè… è difficile secondo me che si riverifichi così… E allora noi Marce’ dobbiamo sfruttarla ‘sta cosa secondo me, cioè guarda…”. De Vito: “Oggi ho re insistito (inc…)”. Mezzacapo: “Ci rimangono due anni… ci rimangono due anni”.

Quelle frasi, secondo il gip del Tribunale di Roma, Maria Paola Tomaselli, che ha disposto il loro arresto in carcere e quello di altre due persone ai domiciliari, sono un riferimento alla volontà di sfruttare “il ruolo pubblico di De Vito per fini privatistici e ottener lauti guadagni”. Ed emerge qui con “lampante evidenza la sussistenza di un vero e proprio sodalizio”. I due, si legge nell’ordinanza, “discutono dell’attuale congiuntura politica favorevole per massimizzare i loro profitti illeciti e si esprimono in termini assolutamente espliciti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, la pista che porta a Gladio e i messaggi in codice: “Ci sono presenze anomale in Somalia”

next
Articolo Successivo

Medici vs pazienti, per tutelare tutti bisognerebbe separare colpe e risarcimenti

next