Nella puntata di Fratelli di Crozza –  in onda il venerdì in prima serata su NoveMaurizio Crozza, nei giorni in cui si festeggia il 30esimo anniversario della nascita del web, fa una riflessione sull’odio sempre più dilagante in rete: “È strano il nostro rapporto coi social. Cioè, se io insulto un tizio qualunque sull’autobus un po’ me l’aspetto una querela. Ma se invece minaccio Mattarella su un social, penso che sia senza responsabilità…una simpatica goliardata. E invece no, un commerciante di Treviso ha scritto la sua cazzata e invece di un like gli è arrivata la Digos in negozio. Scusate ma quanto mi è simpatico Mattarella?”.

Video Nove

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza-Berlusconi si scatena e alza la voce: “Ci sono cinesi ovunque!”. Poi scopre di non essere in galera: “Che Paese del ca***”

next
Articolo Successivo

La scomparsa di Maddie McCann, il caso della bimba inglese è diventata una serie tv

next