Venerdì 15 marzo, anche in Italia, migliaia di ragazzi delle scuole superiori scenderanno in piazza per il Global Strike for Future, lo sciopero mondiale per chiedere ai governi di attivare programmi seri ed efficaci per iniziare ad utilizzare energia pulita al 100%, per smettere di utilizzare i combustibili fossili e per fermare il riscaldamento globale. L’appello è partito da Greta Thunberg, la sedicenne svedese che lo scorso agosto ha cominciato ad accamparsi fuori dal parlamento svedese per chiedere che venissero rispettati gli accordi per salvare il clima sottoscritti a Parigi e ora è candidata al Nobel per la Pace. Da allora sono iniziati i venerdì di sciopero per il clima e come un’onda, attraverso una fortunata campagna mediatica, la ragazzina svedese ha contagiato tutto il mondo con l’hashtag #Fridaysforfuture.

Per chi non scenderà in piazza ma vorrà approfondire con i propri alunni o figli il tema dell’ambiente ecco dieci libri che possono aiutare a fare una riflessione.

Global Strike for Future, 10 libri per spiegare ai bambini le tematiche legate all’ambiente sollevate da Greta Thunberg

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mirko, il ragazzo che pulisce le rive del Po: “Raccolgo plastica, copertoni e ferro. Sto bene e lascio un posto migliore”

prev
Articolo Successivo

Sì, Greta deve vincere il Nobel per la Pace

next