Ogni domenica mattina Rete 4 trasmette in diretta la Santa Messa, così ha fatto anche il 10 marzo trovandosi però di fronte una sorpresa improvvisa. Nella Basilica di Sant’Andrea delle Fratte, a Roma, si sono vissuti attimi di paura e agitazione quando, terminata l’omelia, un uomo ha raggiunto l’altare per avvicinarsi al prete che continuava la celebrazione. Viene inquadrato solo di spalle e mentre il sacerdote continua la funzione chiede a gran voce la parola avvicinandosi: “Scusate, scusi. Padre!“.

Il don sembra impassibile ma in quel momento la regia stacca, toglie l’audio e fissa l’immagine sui fedeli in piedi tra i banchi. Questi guardano la scena un po’ sorpresi, un po’ preoccupati. “Mi presento”, si sente dal microfono che l’uomo, la cui identità non è stata rivelata, sembra strappare al prete. Si scopre che afferma di essere “Dio sceso sulla Terra“, l’audio confuso torna solo per qualche istante per poi scomparire nuovamente.

Alcuni fedeli cercano inutilmente di intervenire per allontanarlo, altri escono dalla chiesa impauriti e preoccupati dall’ipotesi di una sua reazione violenta. Il sacerdote a questo punto sospende la messa, intervengono le forze dell’ordine che portano via l’uomo in visibile stato di agitazione. “Non è la prima volta che succede, abbiamo avuto un altro episodio simile un anno e mezzo fa. Per questo chiederemo che d’ora in avanti ci sia un presidio delle forze dell’ordine durante le celebrazioni, soprattutto quelle che vengono trasmesse in diretta”, hanno spiegato i frati Minimi sperando di evitare nuovi episodi nelle prossime settimane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Miriana Trevisan contro Matteo Salvini: “Aveva il mio poster? Sono gusti. A me non piace, è un signorotto”

next
Articolo Successivo

Michael Jackson, la figlia Paris lo difende dalle nuove accuse sollevate dal documentario Leaving Neverland: “State calmi e fumatevi un po’ d’erba”

next