“Da ragazzo avevo il poster di Miriana Trevisan appeso nella mia cameretta. Poi, lei l’ha saputo e si è detta schifata. Vabbè, fa niente”. Così diceva il vicepremier Matteo Salvini sabato alla sua festa di compleanno e ora la diretta interessata, Miriana Trevisan, ha commentato questa affermazione in un’intervista al Corriere della Sera. “Molte donne considerano Salvini un bell’uomo? Non l’avrei mai immaginato… È una cosa che mi fa sorridere, io non lo trovo bello“, ha detto Miriana. “Il gusto non si discute – ha spiegato la showgirl -. Sull’argomento mi sono già negata nel 2014. Ne aveva parlato lui alla radio. Ho rifiutato l’intervista. Ho mandato una mail, non mi ricordo neanche che ho scritto”.

“Lui aveva il gusto di tenere il mio poster, il mio gusto può essere che Salvini non mi piace? Poi, capisco, c’è il fascino del potere…”, ha aggiunto Miriana spiegando che “non apprezzo le persone che istigano alla violenza. Lui, a volte, fa una propaganda troppo forte. Io tendo a riconoscere gli altri come esseri umani. Penso che l’odio porti odio. Le persone non possono diventare uno scarto. Né si dovrebbe creare emarginazione o alimentare la paura o istigare la rabbia”. Lei il vicepremier l’ha incontrato “a delle feste. Mi è sembrato un signorotto molto simpatico, ma niente di che. Ci siamo salutati, ciao, ciao. Non mi ha fatto complimenti. Fine”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sebastiano Tusa, il ricordo di Alberto Angela: “Abbiamo perso una delle figure più luminose dell’archeologia italiana”

prev
Articolo Successivo

“Scusi padre, sono Dio sceso in Terra”: un uomo sale sull’altare e interrompe la messa in diretta tv su Rete 4, interviene la polizia

next