In un’intervista a Repubblica, Alberto Angela ha ricordato Sebastiano Tusa, l’archeologo siciliano morto domenica nell’incidente aereo di Adis Abeba, in Etiopia. “La sua scomparsa mi addolora, è una tragedia che colpisce tutti noi”, ha detto il divulgatore, spiegando di aver incontrato Tusa in diverse occasioni: “Avevamo fatto un’immersione insieme alla scoperta di un relitto romano a 35 metri di profondità a Levanzo, nelle Egadi”. “Tusa era certamente una delle figure più luminose dell’archeologia: direi che si è spenta una luce. Mi aveva sempre colpito in lui la grande professionalità, il suo entusiasmo, la sua capacità di organizzare la ricerca e le scoperte. Sono molto vicino ai suoi cari, che sono stati così duramente colpiti da questa tragedia. Ma penso anche a  quanto ci mancherà la sua capacità  di viaggiare nel passato e anche la sua umanità. Era un persona straordinaria”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Joe Bastianich attaccato per un piatto postato su Instagram: “Che cosa orribile”, “Inguardabile”, “Sembra uscito dall’obitorio”

prev
Articolo Successivo

Miriana Trevisan contro Matteo Salvini: “Aveva il mio poster? Sono gusti. A me non piace, è un signorotto”

next