Sono tornate con i bambini davanti a Palazzo di Città le mamme del quartiere Tamburi di Taranto. I loro non figli non vanno a scuola da giorni. L’istituto infatti è chiuso per ordine del sindaco, perché troppo vicino alle emissioni della fabbrica e di quelle “collinette ecologiche” costruite negli anni ’70 per impedire alle polveri dell’acciaieria Ilva di arrivare nel quartiere. La procura, però, ha scoperto che sono state innalzate tombando scarti di produzione e materiale inquinante e nessuno al momento può escludere che sprigionino sostanze dannose.

Qualche giorno fa avevano chiesto di parlare con il primo cittadino Rinaldo Melucci che, però, era impegnato in un vertice in Prefettura. E così sono tornate per ribadire il loro “no” alla fabbrica e sottolineare che, mentre il mondo festeggia la Giornata internazionale della donna, loro, donne e madri dei Tamburi, non possono nemmeno accompagnare i figli a scuola  o lasciarli giocare sotto casa per i veleni rilasciati in questi nel rione a pochi metri dalla fabbrica

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, tensione alla manifestazione femminista di Non una di meno: il corteo sfonda il cordone della polizia

next
Articolo Successivo

Catanzaro, aspetta che l’autista si allontani e ruba il bus: la polizia lo blocca sulla statale con le pistole in pugno. Il video

next