Il governo ha stanziato 1,5 miliardi di euro, in tre anni, per i 300mila piccoli investitori coinvolti nel crac delle banche (PopVicenza, Etruria, Veneto Banca, Carichieti, Carife e Banca Marche). Ma l’emendamento passato nella legge di Bilancio, che rischia di incorrere in una bocciatura della Commissione europea, necessita del decreto attuativo messo a punto dal Ministero dell’Economia. Ed è proprio al titolare, Giovanni Tria, che si rivolge Gianluigi Paragone del M5s: “Siete in grado di scriverlo autonomamente o state aspettando che vi aiuti la commissaria europea?”. Il riferimento è all’incontro, al Mef, tra Tria e Margrethe Vestager, che ieri ha detto: “I risparmiatori vanno risarciti soltanto se sono stati ingannati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grillo contro la manifestazione antirazzista di Milano. Un altro salviniano tra noi

next
Articolo Successivo

Tav, Conte: “Decisione entro venerdì, stiamo sviscerando l’analisi costi-benefici. Il governo non cade”

next