» Economia
martedì 15/01/2019

Truffati dalle banche, il Tesoro: “Così la Ue dirà no agli indennizzi automatici anche agli azionisti”

Nel documento dell’Ufficio di coordinamento del ministero i tecnici avvisarono che i rimborsi generalizzati erano contro le regole sugli aiuti di Stato: “Non si potranno erogare”

Il giudizio è severo e risale al 16 dicembre scorso. Dagli uffici di vertice del ministero dell’Economia i tecnici stilarono una bocciatura pesante delle misure a favore dei cosiddetti “truffati” delle banche poi confluite nella manovra, sollevando il rischio di incorrere in una bocciatura della Commissione Ue per aiuti di Stato. Una beffa che avrebbe del clamoroso.

La vicenda riguarda i 300mila piccoli investitori coinvolti nel crac delle banche (da Etruria & C. alle due popolari venete). In manovra il governo ha stanziato 525 milioni l’anno fino al 2021 per indennizzarli: potranno accedervi ex azionisti e detentori di bond subordinati (per i primi il rimborso è al 30%, per i secondi al 95%, entro i 100 mila euro). Problema: nella prima versione del provvedimento, approvata alla Camera, era previsto l’obbligo di dimostrare di essere stati spinti ad acquistare i titoli dalle banche in violazione delle norme a tutela dei risparmiatori con una sentenza favorevole del tribunale o dell’Arbitro finanziario Consob (Acf).

Al termine di un lungo negoziato tra le associazioni dei risparmiatori – spaventate dal rischio che la trafila burocratica avrebbe precluso a molti l’indennizzo – e i due alleati di governo, in persona dei due sottosegretari Alessio Villarosa (M5S) e Massimo Bitonci (Lega), la norma è stata modificata. Si è deciso di concedere il rimborso in maniera generalizzata in virtù di “violazioni massive degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza, buona fede oggettiva e trasparenza” (misselling) indicati dal Testo unico della finanza. Il “misselling”, insomma, non verrà più verificato caso per caso e riguarderà anche chi ha acquistato i titoli non direttamente dalle banche. All’indennizzo potranno accedere poi anche Onlus e microimprese.

La modifica viene decisa il 15 dicembre e confluisce in un emendamento dei 5Stelle, poi ripreso nel maxiemendamento al Senato. Il 16 dicembre, però, arrivano i rilievi del Tesoro. Il documento, visionato dal Fatto, viene inviato all’Ufficio legislativo del ministero dall’Ufficio di coordinamento del Tesoro (Ucadt), struttura di supporto del direttore generale Alessandro Rivera, l’uomo che per il governo gestisce i rapporti con Bruxelles, specie per le materie bancarie. Il testo boccia le due modifiche. “L’eliminazione della condizione dell’accertamento e del relativo danno e la conseguente automatica corresponsione dell’indennizzo, in ragione di criteri vaghissimi e non qualificanti – scrivono i tecnici di Rivera – non possono essere considerati compatibili con i limiti imposti dall’Ue”. Anche perché, annotano, l’indennizzo riguarderebbe soprattutto gli azionisti che, a differenza degli obbligazionisti, “posseggono strumenti di capitale di rischio e non di debito”. Anche l’eliminazione del vincolo di aver acquistato i titoli direttamente dalle banche e l’apertura ai rimborsi a Onlus e microimprese viene dipinto come foriero “con ogni probabilità di arrivare all’apertura di una procedura di infrazione Ue”. I tecnici spiegano che la prima versione del testo aveva avuto il via libera di Bruxelles e avvisano che ora servirà un nuovo passaggio. E nell’attesa dubitano che “si possa procedere a dare applicazione alla norma”, cioè a versare i rimborsi, per il rischio “di imputazione di danno erariale”.

Come è possibile che il Tesoro abbia dato allora lo stesso il via libera? Dal ministero spiegano che i rilievi dei tecnici sono stati superati “dalla decisione politica di Lega e M5S di varare la norma”, ma che, “al momento, non ci sono rilievi di Bruxelles”. “Avevamo segnalato il rischio da tempo, ora ci sono rischi concreti che i fondi vengano congelati – attacca l’ex senatore Andrea Augello (Fdi) – È urgente che il governo intervenga già nel decreto Carige. Ma, nel caso Bruxelles contesti le norme sarà impossibile che a dialogarci sia un dg che ha già dichiarato la legge meritevole di sanzione. C’è un limite al ridicolo”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Economia
Ribaltoni

Resa dei conti su Tim tra Elliott e Vivendi: assemblea il 29 marzo

Il consiglio d’amministrazione di Telecom Italia ha convocato per il 29 marzo l’assemblea degli azionisti nella quale sarà approvato il bilancio 2018 e sarà messa all’ordine del giorno la proposta dell’azionista Vivendi di revocare cinque consiglieri d’amministrazione (il presidente Fulvio Conti, Alfredo Altavilla, Massimo Ferrari, Dante Roscini e Paola Giannotti De Ponti) per sostituirli con Franco Bernabè, Rob van der Valk, Flavia Mazzarella, Gabriele Galateri di Genola e Francesco Vatalaro. Con questa mossa Vivendi punta a riprendere il controllo dell’azienda dopo essere stata messa in minoranza nell’assemblea del 4 maggio dello scorso anno.

Vivendi aveva chiesto la convocazione dell’assemblea per il tentativo di contro-ribaltone, ai sensi del codice civile, “senza ritardi, e ha protestato per il rinvio della resa dei conti di oltre 70 giorni. Il gruppo guidato da Vincent Bolloré ha già annunciato che se perderà l’assemblea del 29 marzo ne chiederà un’altra in estate. Il fondo americano Elliott, che nove mesi fa ha realizzato il ribaltone con l’aiuto del governo italiano attraverso la Cassa Depositi e Prestiti, ha invocato ieri “stabilità” per il colosso telefonico italiano.

Economia

Fca, l’alibi ecotassa e i dubbi sul piano: “Con le nuove misure andrà rivisto”

Economia

Il Tg2 “leghista” perde la sfida degli ascolti

Economia
Sanità ko - Usciranno dal Fondo speciale

Epatite C, salasso per i farmaci

Un buco non ferma la recessione
Economia
Il commento

Un buco non ferma la recessione

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×