C’è chi ha pensato a uno scherzo e chi a un fake. Invece è tutto vero. L’ultima trovata di Trenitalia è un regalo per le donne in occasione della festa dell’8 marzo. Un buono sconto? Un upgrade omaggio? Dei punti per la cartafreccia? Macché: una caramella al limone. Per di più, salvo esaurimento scorte e solo per coloro che quel giorno usufruiranno dei servizi più costosi. Quello che poteva essere un gesto galante e pure apprezzabile, se fatto senza troppe pubblicità, è diventato un annuncio strombazzato sul sito ufficiale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.

Questa la scritta apparsa sul sito di Trenitalia, alla sezione “Ristorazione a Bordo”: “In occasione della Festa della Donne, il prossimo 8 marzo sui treni Frecciarossa e Frecciarossa 1000, se sei una cliente e viaggi in Executive, o se acquisti un Menù Easy Gourmet o usufruisci del servizio Bar o del ristorante, riceverai in omaggio una caramella gelèe Caffarel al limone”.

Ben presto l’annuncio è diventato virale ed è scomparso dal sito della società. Ora, chi cerca quella pagina, si ritroverà la scritta: “Siamo spiacenti la pagina non e’ al momento disponibile”. Il motivo? Non è dato sapere: abbiamo provato a contattare l’ufficio stampa di Trenitalia, per ora senza successo. Nel frattempo su Twitter l’ironia non è mancata. “Ammazza… se so sciupati a Trenitalia Trenitalia. Donne accorrete”, scrive il comico Walter Santillo.

E poi, altri: “Trenitalia che combatte il sessismo regalando una caramella al limone alle donne l’8 marzo grazie Trenitalia avete abbattuto il patriarcato”, “Gioite donne che Trenitalia l’8 marzo vi regala addirittura UNA caramella al limone (salvo esaurimento scorte eh)”, “Sto ridendo più del dovuto per la stronzata di Trenitalia e la caramella al limone”. Come se non bastasse, ricorda qualcuno, proprio venerdì 8 marzo 2019 è stato indetto uno sciopero nazionale del personale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. Pure la beffa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Daniele Nardi e Tom Ballard, riprese le ricerche sul Nanga Parbat

prev
Articolo Successivo

Meghan Markle, il figlio suo e di Harry non sarà principe: la regina Elisabetta non sembra intenzionata a fare eccezioni (che invece ha fatto con Charlotte e Louis)

next