Il figlio di Meghan e Harry non sarà un principe e nemmeno una principessa. Quando manca sempre meno all’arrivo del royal baby, che quindi royal non sarà, la Markle ha dovuto arrendersi di fronte a una vecchia legge che regna in Casa Windsor dal 1917. Il titolo principesco è limitato ai parenti più stretti, discendenti diretti e primi nati del sovrano in carica. Nelle scorse settimane si era detto che l’ex attrice era riuscita a convincere Elisabetta II ma in realtà la regola stabilita da re Giorgio V per ora resiste.

Insomma il nascituro sarà amatissimo da tutti ma non potrà essere chiamato “Sua Altezza Reale”, principe no ma duca parrebbe di si. Non del Sussex perché il titolo è stato regalato ai suoi genitori ma per lui/lei, ricordiamo che il sesso non è ancora noto, sarebbe pronto quello di Dumbarton, un ducato minore che Harry ha ereditato. Il baby nascerà solo settimo nella successione al trono, il vero principe reale è infatti solo George, primogenito di William.

Riuscirà la duchessa Meghan a cambiare le cose in extremis? Giorgio V ammetteva in una nota delle modifiche ad personam da parte del sovrano in carica, in effetti la Regina lo ha fatto in occasione della nascita di Charlotte e Louis che son stati nominati Principessa e Principe quando stando alla regola avrebbero dovuto accontentarsi di essere chiamati Lady e Lord. Questa notizia potrebbe aprire un nuovo fronte con la “rivale” Kate Middleton: perché la cognata ha potuto assicurare ai figli minori un titolo e lei no? Non avere titoli nobiliari, secondo molti, potrebbe anche essere una fortuna per evitarsi scandali, polemiche e pressioni di ogni tipo. La Markle sarà d’accordo?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trenitalia, l’iniziativa per l’8 marzo fa sghignazzare i social: “Ragazze correte ci regalano una caramella al limone fino a esaurimento scorte”

next
Articolo Successivo

Antonello Venditti: “Mia madre sperava nei miei fallimenti. Mangiavo tutto il giorno e mi chiamavano ‘Cicciabomba’”

next