Pagavano i braccianti agricoli meno di un euro l’ora per lavorare nei campi dall’alba al tramonto. Con l’accusa di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, estorsione e istigazione alla corruzione, i carabinieri hanno arrestato cinque persone a Sant’Eufemia d’Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria. Su richiesta della Procura di Palmi, guidata da Ottavio Sferlazza, l’operazione “Dominus” è scattata stamattina. Il gip ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per Antonino Violi e sua moglie Giuseppina Zagari. Domiciliari, invece, per Luigi Violi (suo padre) mentre per la moglie di quest’ultimo, Concetta Cannizzaro, e per il rumeno Vasile Dobrea è stato disposto l’obbligo di firma.

Quest’ultimo e Antonino Violi, sono accusati anche di violenza sessuale in danno di due lavoratrici rumene che lavoravano alle dipendenze dell’azienda agricola di famiglia. Violi veniva chiamato “padrone” dai braccianti che raccoglievano i broccoli nei suoi campi. Stando all’indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Casciaro e dal pm Daniele Scarpino, i lavoratori percepivano una paga irrisoria di 350-400 euro al mese. Una miseria che a volte addirittura non veniva corrisposta e versata non nei termini pattuiti. In un’occasione una lavoratrice romena è stata costretta da Giuseppina Zagari a sottoscrivere un documento, attestante il falso percepimento delle somme dovute. L’inchiesta è partita nel settembre 2017 quando un cittadino rumeno, stanco di essere sfruttato, ha sporto denuncia ai carabinieri. Le indagini hanno consentito di documentare l’impiego, nell’azienda agricola dei Violi, di una decina di alti rumeni e di un ragazzo maliano.

Il tutto in aperta violazione di basilari norme sul lavoro ed indecorose condizioni alloggiative da parte degli imprenditori agricoli. Di giorno nei campi, fino alle 22, e di notte in una baracca dove si sarebbero consumati anche due episodi di violenza sessuale. Gli indagati Luigi Violi e Concetta Cannizzaro, inoltre, hanno cercato di corrompere anche i carabinieri chiedendo loro di omettere dei controlli nei confronti delle attività agricole. In cambio i due imprenditori agricoli avevano offerto ai militari dei prodotti caseari che sono stati rifiutati. Durante il blitz a casa di Antonino Violi e Giuseppina Zagari, i carabinieri hanno trovato 30mila euro in contanti, ma pure un fucile a pompa e tre pistole con matricola abrasa. Un piccolo arsenale che ai due coniugi costerà anche l’accusa di detenzione illegale di armi.