Se la ministra per gli Affari regionali Erika Stefani insiste sulle Autonomie differenziate, rivendicando, al di là delle resistenze in casa M5s, che “sono nel contratto di governo” e che l’obiettivo è “chiudere con Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna prima delle Europee”, è il presidente Giuseppe Conte a frenare sui tempi. “Ce’ armonia nel governo perché abbiamo le idee chiare. Ci stiamo adoperando per poter compiere questo percorso nel tempo più breve possibile, prima o dopo le Europee l’importante è fare le cose bene“, ha spiegato, a margine di un incontro a Palazzo Chigi con le Regioni.
Quanto al ruolo delle Camere, se Stefani ha sottolineato come “l’intesa non pare emendabile”, Conte invece si è limitato a spiegare come l’impegno del governo sarà quello di portare avanti “l’interlocuzione nel modo più rispettoso delle prerogative del Parlamento”. Ma senza affrontare il nodo delle possibile modifiche. “Io non sono preoccupato, il dibattito ci deve essere anche perché sarà un grande arricchimento dal punto di vista culturale. Ma dall’altro dico anche che la Costituzione prevede che ci sia la firma dell’intesa tra il presidente della Regione e il Presidente del Consiglio, e io firmo se mi piace il progetto”, ha invece avvertito il presidente della Regione Veneto Luca Zaia
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Prodi: “Divisioni e conflitti interni dopo le primarie? Se qualcuno vuole suicidarsi, lo faccia. È nella natura umana”

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, si vota domenica 3 marzo in tutta Italia: chi può partecipare e dove

next