San Carlos Tavares, da Lisbona. Indipendentemente dal parere del Vaticano, in futuro è così che PSA potrebbe riferirsi al suo “condottiero”: il portoghese, infatti, è artefice di un rilancio aziendale che ha pochi eguali nella storia dell’automotive. Anzi, non ne ha proprio, e quanto sta ottenendo potrebbe diventare presto un business case accademico.

Sono i numeri a dirlo, in primis quelli fatti registrare da Opel: la marca tedesca, finita sotto il controllo dei francesi a metà del 2017, è tornata al segno “+” dopo 19 mesi di gestione transalpina. Il bilancio 2018 parla di un utile operativo di 859 milioni di euro: non succedeva da ben 17 anni, nonostante tutti i tentativi in cui si erano prodigati i precedenti proprietari della GM. L’antifona si era capita già nel primo semestre dello scorso anno, quando il gruppo francese aveva fatto registrare un utile di 1,481 miliardi di euro e Opel un risultato operativo di 502 milioni di euro.

Il merito va alla strategia “PACE”, che non solo ha rimesso in ordine i conti di Opel ma ha fatta anche diventare l’azienda una risorsa del gruppo parigino, contribuendo a far crescere i suoi ricavi del 18,9%, a circa 74 miliardi di euro. Salite pure le consegne (+6,8% e 3,88 milioni di veicoli) e il margine operativo, incrementato dal 6,4% al 7,7% (8,4% per la divisione PCD e 4,7% per la Opel).

Inoltre il fatturato di Peugeot, Citroën e DS (PCD) è lievitato del 5,6% a 43,03 miliardi di euro mentre quello di Opel è passato da 7,24 miliardi degli ultimi cinque mesi del 2017 a 18,3 miliardi, sicché la marca del fulmine ha generato cassa per 1,36 miliardi, portando a 3,5 miliardi il dato complessivo del gruppo. L’utile operativo ricorrente si è attestato a 5,689 miliardi (+43%) e l’utile netto a 3,295 miliardi (+40,4% sul 2017).

Ed i mesi a venire produrranno un’ulteriore accelerazione: sono in arrivo modelli strategici come la nuova Peugeot 208, la piccola urban suv 2008, la Opel Corsa e la Mokka X, tutte basate sulla medesima meccanica e destinate a battagliare nei segmenti commercialmente più pesanti del vecchio continente.

Tuttavia, PSA vuole far faville anche al di fuori dell’Europa, dove aspira a far galoppare le vendite al +50% entro il 2021 grazie allo sbarco su mass market come India (dove arriverà Citroen) e Russia (dove tornerà Opel). Mentre Peugeot avrà il delicato compito di riportare PSA negli USA dopo un’assenza lunga quasi un trentennio: quello del leone, infatti, appare attualmente il marchio più credibile da esportare nel nuovo mondo e potrebbe fare da apripista all’approdo del brand DS, il marchio premium di PSA.

Fra nuovi modelli e restyling di metà carriera, il colosso francese prevede il lancio di decine di prodotti nei prossimi 3 anni. E c’è anche da rinvigorire il progetto DS, raddoppiando il numero dei concessionari e lanciando almeno un nuovo modello all’anno: punta di diamante potrebbe essere proprio la nuova DS3 Crossback. Offensiva “senza quartiere” per Opel, pronta a presentare 8 vetture nuove o aggiornate entro il 2021. Infine, l’intera gamma sarà elettrificata al 50% entro il 2021 e al 100% entro il 2025.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parco Valentino, presentata la quinta edizione. Spazio alle tecnologie verdi

prev
Articolo Successivo

Salone di Ginevra 2019, le proposte Bosch per guida autonoma e connettività

next