A Caivano, in provincia di Napoli, 51 ex dipendenti della bresciana Italcables per non perdere il lavoro si sono costituiti cooperativa e hanno riacquistato (grazie ad una legge del 2013 che riconosce la prelazione a favore dei lavoratori di imprese in crisi) l’azienda a titolo definitivo con atto notarile nel novembre scorso, investendo le loro liquidazioni, il tfr, indennità di mobilità. “Un salto nel vuoto senza paracadute, abbiamo impegnato tutto quello che avevamo” raccontano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lavoro, a dieci anni dalla crisi è boom dei sottoccupati. E 5,7 milioni sono troppo qualificati per il posto che hanno

prev
Articolo Successivo

Fca-Fiom, è rottura su rinnovo contratto. Re David: “Troppe distanze su relazioni sindacali e salario. Via alle assemblee”

next