Sono quasi otto milioni quelli che vivono nelle case italiane, coccolati dai loro padroni che nel 55% dei casi non badano a spese per la loro cura. Oggi 17 febbraio è la Giornata nazionale del gatto, considerato, come il cane, grande compagno dell’uomo. Indetta nel 2002 dall’International Fund for Animal Welfare (Ifaw), la Giornata per molti Paesi cade l’8 agosto, ma la scelta del 17 febbraio per la festa italiana è stata il risultato di un sondaggio lanciato su una rivista specializzata: febbraio è stato preferito perché è il mese del segno zodiacale dell’Acquario, considerato il segno degli spiriti liberi, proprio come i gatti. E il giorno 17 invece è stato indicato per sfatare tutti i miti che hanno accompagnato la storia di questo felino.

Secondo i dati di Privalia, sono proprio i gatti ad aggiudicarsi il titolo di star delle case italiane, 7,5 milioni di felini che vivono in famiglia contro 6,9 milioni di cani. In occasione della ricorrenza, il sito di shopping online del gruppo Veepee ha lanciato una curiosa indagine sulla sempre maggiore importanza riconosciuta agli animali domestici. È emerso che gli italiani considerano i loro amici che li accolgono facendo le fusa veri e propri compagni di vita (87%).

Il 55% dei clienti Privalia dichiara di non badare a spese per la cura del proprio gatto, dedicando un budget di oltre 40 euro al mese per l’acquisto di cibo e accessori. E non mancano gli acquisti per soddisfare la vanità di mici e padroni: nel 2018, tra i prodotti pet-care più acquistati sul sito di shopping online, al primo posto ci sono le cucce (35%), poi i tiragraffi (28%), soprattutto i modelli luxury con design ricercati. Molta attenzione anche alle scelte alimentari: per gli intervistati è vietato condividere il cibo della propria tavola, vanno bene invece proposte specifiche formulate per garantire il benessere del proprio gatto (62%), rivolgendosi a blog e forum online per informarsi e scoprire nuovi brand.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Andrea Roncato: “Io, anti-abortista: il mio vero errore è stato non avere un figlio. La droga? La prendevo per fare il figo, ma mi faceva schifo”

prev
Articolo Successivo

Sanremo, dopo il Festival la proposta di legge Lega: “In radio una canzone italiana ogni tre”

next