Fabrizio Corona torna a provocare Fedez. Dopo aver rivelato nel suo ultimo libro, Non mi avete fatto niente, un presunto tradimento di Silvia Provvedi con il rapper, subito smentito, l’ex re dei paparazzi dedica altre parti del romanzo al cantante. “Ti ricordi quella sera a casa mia con due amici?”, scrive Corona, alludendo a una sera di Natale di molti anni fa, in cui Fedez era ospite del fotografo.

I dettagli non vengono descritti ma le parole di Corona sono molto allusive. “Caro Federico, mi dispiace che tu non abbia mai raccontato di quella sera di Natale trascorsa a casa mia insieme con due nostri amici. […] siamo stati bene, ma ho capito che l’apparenza e l’apparire per te contano più della verità. Non sei vero. Tutto qui”, continua Corona che poi attacca Fedez per il suo successo sui social. “Ho fatto un’analisi, ho visto quante condivisioni e contatti hai realizzato durante il tuo matrimonio. Bene, sei arrivato quasi ad un milione di visualizzazioni su Instagram e un miliardo di contatti virali. Sai quanto ho totalizzato io dopo la rissa con la Blasi? Lo stesso risultato”.

A sottolineare il rapporto tra i due è anche Alberto Dandolo. Il giornalista in un’intervista al programma I Lunatici afferma che Corona potrebbe sapere altre cose su Fedez. “Anche Ultimo ha smosso tutto l’ambaradan del chiacchiericcio milanese. Ultimo ora proverà a essere più simpatico, ha capito che non deve seguire le orme comunicative del suo grande amico Corona. I due sono grandi amici, si vedono e si sentono quotidianamente. Corona ha lanciato una bombettina su Fedez. Loro si frequentavano, Corona secondo me sa molto di più di quello che dice, si è autocensurato. Si parla comunque di un periodo antecedente al fidanzamento tra Fedez e la Ferragni”, rivela ai microfoni di Radio 2, come riporta il sito BtchyF.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo, dopo il Festival la proposta di legge Lega: “In radio una canzone italiana ogni tre”

prev
Articolo Successivo

Bimbo di 5 mesi nutrito solo a base di patate: è gravissimo. La polizia arresta i genitori vegani

next