Hanno nutrito il figlio di 5 mesi solo con le patate per rispettare la filosofia vegana, riducendolo “in fin di vita“. Con questa accusa la polizia di Titsuville, in Florida, come riporta il Miami Herald, ha arrestato una coppia, Robert Buskey di 31 anni e Julia French di 20 anni, con l’accusa di maltrattamenti su minori. I due sono stati accusati anche di negligenza dopo che gli investigatori hanno scoperto il peso del piccolo: tre chilogrammi e mezzo alla nascita e quattro chili ai 5 mesi, secondo Wftv. Il bambino era visibilmente malnutrito, secondo il dipartimento della Florida per i bambini e le famiglie, con costole sporgenti e occhi incavati. “Nel sangue i livelli di calcio erano ai limiti della sopravvivenza. Ed è arrivato in stato letargico”, hanno affermato i medici che hanno prestato le cure al neonato.

Secondo quanto riportano i media americani, Buskey e French avrebbero deliberatamente ignorato la dieta prescritta dal pediatra, in linea con la loro filosofia vegana, nonostante potessero permettersi quanto prescritto. I due hanno invece preferito nutrire il figlio solo con una specie di purea di patate, una ricetta trovata online. “Non ho mai visto un bambino a questo livello, così vicino alla possibile morte”, ha dichiarato la detective della cittadina americana, Lauren Watson.

Ora il piccolo è stato affidato alle cure ospedaliere e, nonostante le gravi condizioni, sta reagendo alle medicine e alla nutrizione. I genitori ora sono entrambi detenuti nella prigione della contea di Brevard, in attesa di procedimento giudiziario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabrizio Corona: “Fedez, ti ricordi quella sera a casa mia con due miei amici?”

next
Articolo Successivo

Sanremo, Loredana Bertè scherza a Che tempo che fa: “Il premio Ariston? Io non l’ho visto… ce l’ha Bisio”

next