Il presidente della Camera Roberto Fico torna sulla bagarre di ieri in Parlamento con una precisazione: “Oggi i giornali – spiega a margine di un convegno della Cisl a Napoli – riportano le mie scuse e magari non viene compreso bene fino in fondo. Il mio scusarmi è solo riferito a quel micro secondo in cui ho detto arrivederci perché c’erano deputati sotto il banco con le mani alzate che scendevano e che ho salutato. Per me quel saluto è sbagliato perché poteva sembrare un po’ di ingaggiare una discussione. Detto questo, per tutto il resto, anche nella gestione con il deputato D’Ambrosio, e rispetto alla questione sollevata da Fiano sul regolamento, per me è andata in modo perfetto, non c’è alcun tipo di problema rispetto alla gestione e a quello che ho detto in aula. Lo rifarei”. “Tutto ciò che poi avviene in aula – ha proseguito Fico – verrà esaminato, ho dato ieri l’istruttoria ai questori e ho scritto una lettera perché devono elaborare tutto ciò che è successo all’interno dell’aula e ci saranno i relativi provvedimenti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Autonomia, Fico: “Parlamento deve avere ruolo centrale. Costituzione prevede equa distribuzione risorse”

prev
Articolo Successivo

Europee, Di Maio presenta i primi alleati. Sui gilet gialli: “No a dialogo con chi parla di lotta armata e guerra civile”

next