Gli assessori regionali al Lavoro e Politiche sociali, al termine dell’incontro odierno con il ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio, pur ribadendo piena collaborazione per quanto concerne la tempistica del ‘Reddito di Cittadinanza‘ continuano a manifestare le loro perplessità sul funzionamento complessivo dello strumento e in particolare sui navigator: “Così come vengono proposti non vanno bene. Svolgono funzioni e competenze che sono delle Regioni. Serve un accordo per evitare che poi le Regioni valutino se fare ricorso alla Corte Costituzionale” affermano gli assessori di Lazio e Liguria, Smeriglio e Berrino. Cristina Grieco, la coordinatrice degli assessori del lavoro nella Conferenza delle Regioni: “Chiediamo di assumere i 4000 a tempo indeterminato e i navigator contrattualizzati a tempo determinato da Anpal, che già ha una quota di precari storici e poi lavorare nei Centri degli Impiego (regionali) senza capire da chi dovrebbero prendere direttive, è a nostro modo di vedere una soluzione molto pasticciata”. Prossimo incontro tra il Ministro e gli assessori è fissato per la prossima settimana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi: “Gli italiani sono fuori di testa. Mi votano solo 5/6 su 100 e hanno dato in mano il Paese a Di Maio”

prev
Articolo Successivo

Ue, Conte attaccato in Aula: ‘Io burattino? No, forse quelli al servizio delle lobby. Alcuni interventi offendono me e italiani’

next