“E quando il pane sforno, lo tengo caldo per te”, canta Jovanotti in uno dei suoi brani più famosi, Bella. Ma il pane, a quanto pare, non vuole sfornarlo nessuno. La storia che arriva da Reschigliano di Campodarsego, provincia di Padova e che è stata raccontata da Il Gazzettino, è quella di  Stefano Brigato che gestisce il panificio del paese. E che cerca un apprendista ma senza successo: stipendio, 1400 euro al mese ma nessuno si fa avanti o “regge” il periodo di prova. Sulla vetrina del negozio, il cartello “Cercasi apprendista panettiere“: “Ci serve personale da assumere a tempo pieno, con contratto regolare, ma spesso è proprio questo il problema”, ha detto Brigato.

I curriculum arrivati sono stati tanti e tanti sono anche i periodi di prova ma poi un nulla di fatto: “Condizione necessaria per svolgere la professione è il lavoro notturno, che viene retribuito con una maggiorazione del 50%. Si inizia alle 2 di notte e si stacca alle 9 di mattina ma rispetto a un tempo l’attività è meno faticosa. Le impastatrici automatiche, la lievitazione programmabile e i forni a gas computerizzati hanno alleggerito molto il peso della produzione”. Ma i ragazzi che rispondono all’annuncio sono pochi: “La nostra associazione dovrebbe collaborare di più con le scuole alberghiere per attivare ad esempio corsi di panificazione. Dobbiamo far capire ai giovani che questo mestiere resiste sempre alla crisi. Già perché, che sia una michetta o un ricercatissimo sfilatino farcito di olive, il pane sulla tavola non manca mai”, ha concluso il panettiere.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quando il nipote trasforma in nonno in influencer: la storia del 22enne Yannik e del suo “modello” preferito. Foto imperdibili

next
Articolo Successivo

Saolini, il creatore di bufale su Facebook: “Se le persone fossero normodotate, con un fact checking di 2 secondi capirebbero tutto”

next