Scontro Francia-Italia? La Francia ha ragione. Vorrei essere governato da Macron. Altra classe. Guarda questi qui di profilo, nemmeno Neanderthal“. Così, in una incontenibile intervista a La Zanzara (Radio24), si esprime il fotografo Oliviero Toscani, che rincara: “Siamo diventati gli stupidi del villaggio globale grazie a questi due partiti che ci governano. Non ci caga più nessuno, non contiamo niente e facciamo ridere i polli. Una volta Grillo faceva gli spettacoli comici e questo spettacolo oggi lo abbiamo portato in Parlamento, in aula. Lo show continua”.
E sui due vicepresidenti del Consiglio aggiunge: “Non li nomino più quei due, portano sfiga. Mi sto toccando a pelle. Guardate cosa è successo da quando sono al governo: tutte sfighe, come la recessione. E facevano pure i fighi con la Ue. Vive la France!”.

Caustico anche il commento sul direttore di Rai Due, Carlo Freccero (“soffre di andropausa televisiva”) e sulla senatrice di Fratelli d’Italia, Daniela Santanchè, la quale, nella trasmissione “Alla lavagna”, su Rai Tre, aveva esaltato l’importanza del denaro per la libertà: “Ha detto che i soldi servono a essere liberi? Anche le puttane dicono questo. E’ una cosa becera, non puoi dirlo ai bambini. E’ proprio da internare“.

Battuta finale sul divorzio tra l’europarlamentare dem Cécile Kyenge e il marito Domenico Grispino, da un anno elettore della Lega: “Ovunque ci sono donne sante e mariti coglioni. E viceversa. Se dovessi avere una relazione con una donna della Lega, non ci starei sicuramente perché è una di cultura o una grande intellettuale o una intenditrice di Godard o di Welles. No. E’ impossibile, una militante della Lega non può essere una intellettuale. Fatemi l’esempio di uno della Lega acculturato. Ffatemelo cazzo”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Scuola, Bussetti chiarisce: “Non esiste scuola del Sud o del Nord. Solo scuola italiana”

next
Articolo Successivo

Decreto Carige, al via la discussione generale alla Camera, ma l’Aula è completamente deserta

next