Nonostante l’Italia sia tornata tecnicamente in recessione registrando il peggiore risultato da cinque anni a questa parte, il premier Giuseppe Conte continua a ostentare ottimismo: “Il dato sul Pil è frutto di una contrazione derivante da fattori estranei, tra questi c’è la guerra dei dazi tra Cina e Usa. Un dato che ci ha un po’ preoccupati nell’analisi, ma non c’è motivo per perdere la fiducia“, ha rivendicato il presidente del Consiglio, intervenendo all’assemblea di Alleanza delle Cooperative Italiane. “Il futuro dell’Italia lo stiamo costruendo adesso e sarà positivo, perché abbiamo pensato a una manovra espansiva”, ha assicurato Conte, che non ha però concesso interviste ai cronisti che lo attendevano.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carige, “domani tutti in Aula ” ma passa una settimana e non si presenta nessuno. Parla Di Maio e la Camera è deserta

next
Articolo Successivo

Tav, Di Maio: “Con Lega differenze di vedute. Non vado a Chiomonte, il cantiere non è mai partito”

next