Presenti e assenti

Intanto: il maestro Beppe Vessicchio ci è mancato moltissimo. Senza di lui non è Sanremo. E in sala stampa pure Nando Pagnoncelli (quest’anno il televoto non è gestito da Ipsos). Perché spiegare il sistema di voto ai giornalisti di Sanremo (le preferenze della sala stampa pesano per il 30 per cento del totale) è peggio che spiegare a Berlusconi il Mattarellum (“non gli entrava in testa: non capiva cosa fosse lo scorporo”, copy Ezio Cartotto). Nelle ultime edizioni i dipendenti della Ipsos lo spiegavano in rima. Alessandra Amoroso superospite si poteva aspettare anche qualche anno. Abbastanza inutile anche lo sketch improvvisato di Paolo Cevoli, a differenza di Pio e Amedeo che hanno scaldato il festival. Se la cava malissimo anche Anna Ferzetti, conduttrice del Prima Festival con tale Montedoro.

INDIETRO

Sanremo 2019, le pagelle di Silvia Truzzi: sul podio del cattivo gusto Il Volo. Anna Ferzetti con tale Motedoro male al PrimaFestival

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sanremo 2019, la classifica finale: solo quarta Loredana Berté, ultimi Nino D’Angelo e Livio Cori

next
Articolo Successivo

Sanremo 2019, Save Claudio Bisio: ecco perché il conduttore non merita questo trattamento da “ultimo della classe”

next