È morto all’età di 90 anni l’attore americano Dick Miller: la sua scomparsa è stata definita dai suoi fan sui social come “la fine di un’epoca“. Da Terminator a Gremlins, da Supermarket horror a Route 666, sono decine i film a cui è associato il suo volto. Una carriera lunga sessant’anni, in cui ha collaborato con alcuni dei registi più celebri di Hollywood, da James Cameron a Martin Scorsese, fino a Ernest Dickerson, John Sayles e, in particolare, Joe Dante, che ha utilizzato Miller in quasi tutti i film che ha diretto.

Noto soprattutto per aver interpretato il ruolo di Murray Futterman nel film horror del 1984 Gremlins, Miller aveva fatto il suo esordio sugli schermi negli anni ‘50 con il leggendario regista e produttore Roger Corman. Fu allora che vestì i panni di Walter Paisley nel cult “A Bucket of Blood”, prima di entrare nel cast di film indimenticabili come “The ‘Burbs”, “Fame” e “Terminator”. È deceduto nella notte tra mercoledì e giovedì ed sopravvissuto alla moglie Lainie, alla figlia Barbara e alla nipote Autumn.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Una certa tendenza del cinema italiano

prev
Articolo Successivo

Il primo re convince a metà: tanta tecnica e coraggio, ma poca epica. Borghi, e i sottotitoli, promossi con lode

next