Dovranno fare la profilassi antimeningite tutti i partecipanti al convegno sulla Shoah organizzato a Montecitorio il 25 gennaio scorso, dopo che un ragazzo di 16 anni che era presente è stato ricoverato per “meningite meningococcica“. Tra questi ci sono anche il presidente della Camera Roberto Fico, il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti e il Sottosegretario alla presidenza Consiglio Giancarlo Giorgetti. 

Il ragazzo ricoverato al Policlinico Gemelli, nel frattempo, “non è in condizioni critiche”, come riferisce la Asl Roma 1, che ha fatto scattare la profilassi nella scuola (l’Istituto superiore Tommaso Salvini) e nella palestra da lui frequentate.

A quanto si spiega in una nota dell’Amministrazione della Camera, il Dipartimento di Prevenzione Uoc Servizio Igiene e Sanità Pubblica della Asl Roma 1, competente per territorio, “ha fatto presente che, in considerazione dei tempi e delle modalità di svolgimento dell’evento, il rischio per coloro che erano presenti di aver contratto l’infezione, e quindi la malattia, è basso“, ma ha ritenuto “comunque opportuno, in via precauzionale, informare tutti coloro che vi hanno partecipato”, invitandoli ad attenersi alle misure di profilassi indicate dal ministero della Salute, che prevedono l’assunzione di alcuni farmaci e l’attenzione all’eventuale comparsa di febbre e/o mal di testa persistente nei 10 giorni successivi alla partecipazione all’evento “Trasmettere e insegnare la Shoah è impossibile?”.

La comunicazione esclude invece “la possibilità che i partecipanti possano nel frattempo, a loro volta, aver trasmesso l’eventuale infezione alle persone con cui sono entrati in contatto”, spiegando che, secondo quanto indicato dal medico competente della Camera dei deputati, “non vi è alcun rischio per gli eventuali contatti dei contatti, e pertanto, non è richiesto, nemmeno in via precauzionale, alcun intervento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anpi Rovigo: “Foibe? Fandonie”. Destra attacca. L’associazione prende le distanze: “Mai negate, commento non autorizzato”

prev
Articolo Successivo

Emilio Alessandrini, il giudice dalla ‘faccia mite’, giustiziato dagli eversori che combatteva

next