Cinque libri per non dimenticare, per fare in modo che la Giornata della Memoria sia un’occasione per capire cos’è accaduto con le leggi razziali del 1938, com’era la vita di un bambino ebreo e della sua famiglia. Spesso se ne parla a scuola noi vi suggeriamo cinque testi da leggere con i bambini per fare in modo che nessuno dimentichi le atrocità subite durante l’Olocausto

Giornata della Memoria, 5 libri da leggere con i bambini per non dimenticare l’Olocausto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata della Memoria, l’operaio-calciatore che riforniva di armi i partigiani lombardi. La sua lettera dal lager: “Sto bene, ma mandatemi cibo”

prev
Articolo Successivo

Vaso di fiori, Berlino ammette: “L’opera trafugata dai nazisti è degli Uffizi”. Ma per ora non si parla di restituzione

next